More titles to consider

Shopping Cart

You're getting the VIP treatment!

With the purchase of Kobo VIP Membership, you're getting 10% off and 2x Kobo Super Points on eligible items.

itemsitem
See your RECOMMENDATIONS

Synopsis

È una mattina come tante a Milano, tranne che per Andrea, fermo sulle terrazze del Duomo, deciso a lanciarsi nel vuoto. La sua vita è arrivata a un punto di rottura.

Scavando nel suo passato, scopriamo la sua storia: quella da adolescente all’ultimo anno delle superiori, in una Napoli che gli si incolla addosso con un evento traumatico, e quella da venticinquenne, in una Milano nebbiosa e troppo affollata che lo costringe a prendere in mano le redini della sua esistenza e darsi da fare.
Se a Napoli viveva la sua dimensione di adolescente irrequieto, a Milano sarà l’amicizia con Francesco a consentirgli di orientarsi in una città a tratti ostile. Qui dovrà ripartire da se stesso, affrontando un segreto che credeva sepolto e dimenticato, ma sarà una scoperta sconvolgente sul suo migliore amico a spezzare quel precario equilibrio faticosamente raggiunto.
Può un’amicizia resistere a un terribile segreto?

Ratings and Reviews

Overall rating

4.3 out of 5
(3)
5 Stars 4 Stars 3 Stars 2 Stars 1 Stars
2 0 1 0 0

Share your thoughts

You've already shared your review for this item. Thanks!

We are currently reviewing your submission. Thanks!

All Reviews

  • 3 person found this review helpful

    3 people found this review helpful

    3 of 3 people found this review helpful

    Was this helpful to you?

    Thanks for your feedback!

    Report as inappropriate

    c'è una storia viva e pulsante

    "È una mattina come tante a Milano, tranne che per Andrea, fermo sulle terrazze del Duomo, deciso a lanciarsi nel vuoto. La sua vita è arrivata a un punto di rottura." già questo basterebbe per scaricare minimo minimo l'anteprima. Questo testo mi ha preso sin dalle prime pagine e mi ha piacevolmente trasportato ai tempi della scuola, mi ha fatto ridere. Eclatante la scena di Andrea che se ne va a spasso per Napoli nel traffico e nel caos urbano. Caos che accompagnerà la sua adolescenza. Il protagonista vive e racconta la sua storia in due periodi della sua vita. Da adolescente e da ragazzo di 25 anni. E racconta una storia, in prima persona, che vale la pena leggere qualsiasi sia l'età si abbia, perché c'è molto più di quello che apparentemente uno può pensare. L'autore è riuscito a rapire la mia attenzione ed è riuscito a farmi saltare dalla sedia in un paio di occasioni. C'è una storia di amicizia, sì, d'amore, sì, di cotte, cè suo nonno, ma c'è tutto il resto che è attuale e sconvolgente allo stesso tempo. La scena dopo la festa a Posillipo mi ha quasi strappato le lacrime (e non sono docile da questo punto di vista). L'adolescenza è scoperta e le scoperte a volte sono dure da accettare, da affrontare e il protagonista lo fa con tutte le sue forze e, io ho iniziato a fare il tifo per lui quasi da subito. Ho letto l'e-book senza smettere, in pochi giorni, perché volevo sapere cosa accadeva ad Andrea, a Francesco, a Giulia, a Caterina, a Diego, perché li ho sentiti come persone vive, che escono da queste pagine. La storia di Diego, per esempio, è davvero particolare. E lui sarà il perno centrale dalla seconda parte del romanzo, quando Andrea scoprirà qualcosa che lo turberà non poco. Una storia superbamente narrata, peccato che come autore indipendente Venturi resti una penna valida che pochi conosco. Un libro come questo dovrebbe essere pubblicato da un Mondadori, da un Newton & Compton e invece... Dal blog dell'autore, ho letto che sta scrivendo anche un seguito, non vedo l'ora di entrare in questa nuova storia e reincontrare i personaggi. 4 euro meritatissimi. E lo dice uno che difficilmente spende più di 3 euro per un e-book.

  • 3 person found this review helpful

    3 people found this review helpful

    3 of 3 people found this review helpful

    Was this helpful to you?

    Thanks for your feedback!

    Report as inappropriate

    Storia di formazione coraggiosa e originale

    Non sono un amante dei libri di formazione, lo dico subito. Però ogni tanto ne leggo uno, come leggo anche altre cose, sia per cambiare genere sia perché non si sa mai di pescare qualcosa di buono. È quest'ultimo il caso del libro di Giovanni Venturi. Per chi è abituato a leggere action-thriller o gialli, l'avvio può sembrare un po' lento. Però, l'ho già detto, questa è una storia di formazione, una di quelle storie dove il protagonista cresce e cambia mostrandoci il come e il perché in modo che possiamo più o meno confrontarci. In questo senso, non è che la vita non ci proponga qualche colpo di scena ogni tanto: qui cominciano a venire a lettura inoltrata, e allora l'interesse di andare avanti sale fino alla fine. In una storia che è un divenire continuo non ci si deve aspettare un finale vero e proprio, che pure c'è, ma un qualcosa che rimanda a un prossimo futuro. E così come avevamo incontrato Andrea Marini all'inizio, lo salutiamo alla fine con un arrivederci. Andrea, ragazzo sensibile succube delle aspettative paterne, cerca la propria autonomia lasciando la famiglia giovanissimo per andare a studiare, lavorare e vivere prima a Bologna poi a Milano. La storia incrocia due periodi diversi, separati da sette anni, spiegandone le radici e l'evoluzione. I sentimenti e gli stati d'animo del ragazzo sono spiegati molto bene, sia attraverso la scelta narrativa in prima persona che attraverso i dialoghi. La paura di affrontare la vita è la stessa di ognuno di noi nel momento in cui bisogna scegliere tra se stessi e il retaggio familiare. La malcelata paura dell'omosessualità di Andrea, che ne discende direttamente, non deriva da Colibrì (un comprimario importante) ma è la paura di ognuno di noi nel rivelare il nostro modo di essere uomini al resto del mondo, smentendo tutte le aspettative, vere o presunte, che sentiamo su di noi per il condizionamento ambientale. È bello e coraggioso il tentativo di affrontare il tema forse accentuato dalla modernità che impone ruoli e modelli, ma certo non meno grave nelle generazioni meno giovani, in cui ogni scelta veramente autonoma era più che difficile. Ed è coraggioso, perché l'autore deve veramente mettersi a nudo difronte al pubblico. È bello anche se la fine (provvisoria) della storia è rassicurante sotto questo aspetto, e non ce n'era bisogno: Andrea ha il coraggio di vivere secondo le sue convinzioni, perfino condividendo il letto con l'amico, e le sue inquietudini e legittime domande non lo fanno recedere di un millimetro, perché non ne trova un valido motivo; in questo modo mostrando che ricavarsi il proprio spazio nel mondo disegnandosi un ruolo diverso da quello suggestionato è sì difficile, ma doveroso e soprattutto del tutto differente dall'essere omosessuale. Avere dubbi esistenziali o sul proprio futuro non significa automaticamente insicurezza, ma al contrario che ci si sta preparando a fare le scelte, quali che siano, per affrontare la vita. Se non è essere uomini questo!

  • 1 person found this review helpful

    1 people found this review helpful

    1 of 1 people found this review helpful

    Was this helpful to you?

    Thanks for your feedback!

    Report as inappropriate

    Bla bla

    Le parole confondono è la storia di Andrea che sogna di fare lo scrittore e si svolge su due piani paralleli: la sua vita e quella del protagonista del suo libro. La prima si svolge dal 2010 ai giorni nostri; la seconda nel 2003. Andrea "reale" vive a Milano, dopo essersi trasferito da Napoli, con l’amico Francesco, personaggio ambiguo ma carismatico; allegro ma misterioso; alpha e omega. Andrea cerca lavoro da scrittore e lo trova in una radio dove comincerà a leggere il suo libro e qui parallelamente si sviluppa la storia di Andrea "reale ma virtuale" e così ne scopriamo la storia adolescenziale. Ragazzo timido e bisognoso di affetto con una famiglia che lo ostacola nel suo sogno di diventare scrittore e con l’unico appoggio del nonno, la cui figura è tenera e toccante. Gli succede più o meno di tutto: si innamora della sua migliore amica, cerca di dichiararsi ma per una serie di circostanze non ci riesce; vive a Napoli e subisce cose che un ragazzo non dovrebbe subire, si diploma, scappa dalla sua città e perde di vista più o meno tutti… fino a che…leggere per sapere. Bene, bravo. Il libro scorre velocemente.

(3)

You can read this item using any of the following Kobo apps and devices:

  • DESKTOP
  • eREADERS
  • TABLETS
  • IOS
  • ANDROID
  • WINDOWS