More titles to consider

Shopping Cart

You're getting the VIP treatment!

With the purchase of Kobo VIP Membership, you're getting 10% off and 2x Kobo Super Points on eligible items.

itemsitem
See your RECOMMENDATIONS

Synopsis

Nel corso della storia dell’uomo il problema del male ha assunto diversi significati. Per gli antichi greci, tutto era determinato dal destino, dal caso e dalla necessità; l’uomo faceva parte del ciclo naturale delle cose per cui il male e il bene accadevano, senza una ragione. Con la nascita del Cristianesimo il male acquista una valenza metafisica; l’uomo conosce il bene e il male e la sua disubbidienza genera dolore. Da questi presupposti cominciano a nascere le domande senza fine: se Dio è infinitamente buono, onnipotente e onnisciente perché esiste il male? Perché molti innocenti soffrono e molti malvagi prosperano? Che senso ha la morte di un bambino? Negli ultimi secoli l’esistenza di Dio verrà messa in discussione e anche il male non avrà più la sua utilità come espiazione di un peccato originale, il male diventerà inutile. La scienza nasce dal dolore e lo sguardo dell’uomo non sarà più rivolto al cielo ma si poserà sulla terra. Partendo dal Libro di Giobbe della Bibbia, passando per il mondo antico, cercheremo di ripercorrere il pensiero del male nella storia dell’uomo, fino ai nostri giorni interrogando filosofi e scienziati, poeti e scrittori, tra cui Socrate, Epicuro, Lucrezio, Agostino, Tommaso, Bayle, Kant, Leopardi, Nietzsche, Dostoevskij, Jung, Camus, Jonas, Cioran, Levi, Arendt.

Ratings and Reviews

Overall rating

No ratings yet
(0)
5 Stars 4 Stars 3 Stars 2 Stars 1 Stars
0 0 0 0 0

Be the first to rate and review this book!

You've already shared your review for this item. Thanks!

We are currently reviewing your submission. Thanks!

(0)

You can read this item using any of the following Kobo apps and devices:

  • DESKTOP
  • eREADERS
  • TABLETS
  • IOS
  • ANDROID
  • WINDOWS